My WordPress

Ornella Vanoni, una delle più amate cantanti italiane, sarà la conduttrice, “Iena per una sera” della nuova puntata de Le Iene Show, che va in onda stasera, 16 novembre 2021, in prima serata su Italia 1. Le Iene è un programma televisivo di intrattenimento che va in onda dal 22 settembre 1997. Il programma è giunto ormai alla venticinquesima edizione. Ornella Vanoni, affiancherà la conduzione di Nicola Savino e della Gialappa’s Band.

Chi è Ornella Vanoni

Ornella Vanoni  è una cantante e attrice italiana, nata a Milano il 22 settembre 1934.  La Vanoni è una delle artiste italiane dalla carriera più longeva: la sua attività canora è iniziata nel 1956, con la pubblicazione di circa 112 lavori (tra album, EP e raccolte) è considerata tra le più grandi interpreti della musica leggera italiana, oltre che una tra le cantanti più vendute con oltre 65 milioni di dischi.

Dotata di uno stile interpretativo molto personale e sofisticato, che le conferisce una timbrica vocale fortemente riconoscibile, Ornella Vanoni vanta un ampio repertorio, che spazia dalle Canzoni della mala degli esordi al pop d’autore, alla bossa nova (storica la realizzazione insieme a Toquinho e Vinícius de Moraes dell’album La voglia la pazzia l’incoscienza l’allegria nel 1976), un genere musicale nato in Brasile negli anni ’50, e al jazz (particolarmente rilevanti saranno la pubblicazione dell’album Ornella &… nel 1986, un concept-album in cui la cantante fa un omaggio alla musica jazz collaborando con alcuni dei più prestigiosi jazzisti: George Benson, Michael Brecker, Randy Brecker, Ron Carter, Eliane Elias).

La carriera

Durante la sua carriera hanno scritto per lei molti tra i più importanti autori, non solo italiani. Ornella Vanoni ha collaborato con artisti del calibro di Gino Paoli, New Trolls, Paolo Conte, Fabrizio De André, Ivano Fossati, Lucio Dalla, Sergio Bardotti, Mogol, Giorgio Calabrese, Franco Califano, Bruno Lauzi, Grazia Di Michele, Renato Zero, Riccardo Cocciante, Bungaro, Pacifico, Francesco Gabbani, Carmen Consoli, Eros Ramazzotti, Colapesce e Dimartino.

Ha partecipato a otto edizioni del Festival di Sanremo, raggiungendo il 2º posto nel 1968 (con Casa bianca) e piazzandosi per ben tre volte al 4º posto, nel 1967 (con La musica è finita), nel 1970 (con Eternità) e nel 1999 (con Alberi): in quest’ultima edizione, Ornella Vanoni è stata la prima artista nella storia del Festival a ricevere il Premio alla carriera. È anche l’unica donna e il primo artista in assoluto ad aver vinto due Premi Tenco (solo Francesco Guccini dopo di lei è stato premiato due volte), e l’unica cantante italiana ad aver ottenuto questo riconoscimento come cantautrice. Ha inoltre vinto una Targa Tenco, che porta complessivamente a tre il numero di riconoscimenti a lei assegnati dal Club Tenco. Ha vinto due volte il Premio Lunezia ed è stata insignita di importanti riconoscimenti e onorificenze tra cui, nel 1984, del titolo di Commendatore della Repubblica e, nel 1993, di Grande ufficiale Ordine al merito della Repubblica italiana.

La vita privata

Ornella Vanoni nel corso degli anni ha alternato importanti e celebri storie d’amore, di cui quattro sono state le principali: nel 1953 è legata con il celebre regista teatrale Giorgio Strehler, con cui intratterrà un’importante e intensa storia d’amore di circa un anno.

Sempre nel 1960 la Vanoni convola a nozze con il noto impresario teatrale Lucio Ardenzi. I due si lasceranno poco prima della nascita del figlio Cristiano, avvenuta nel 1962, con il quale la cantante per via dei suoi impegni lavorativi, che la porteranno spesso lontano da casa, non riuscirà a instaurare un rapporto sereno. Solo molti anni dopo i due confrontandosi e chiarendo dei passati dissapori impareranno ad amarsi. Negli anni settanta si legata per lungo tempo a Danilo Sabatini, mentre all’inizi degli anni novanta è legata all’avvocato e manager veneziano Vittorio Usigli. (Foto – Instagram ornellavanoniofficialpage)

(Il Faro online)



Fonte Il Faro Online

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *